L’influenza della pische sulle piante

 

piante.jpgFu una pratica che si sviluppo negli anni sessanta: parlare alle propie piante per aiutarle a crescere.

Ora pare che il sistema per quanto possa sembrare singolare ,abbia un fondamento.

Dati scentifici raccolti dal morfologo Bernard Grad, della McGill University , mostrano che certe persone possono realmente servirsi dei loro poteri pischici per aiutare le piante a prosperare.

Per effettuare il suo esperimento, Grad piantò semi di orzo in parecchi appezzamenti separati, dove furono annaffiati con una soluzione salina per ostacolare la crescita . Alcuni dei lambicchi contenenti la soluzione furono “trattati” dal sensitivo di origine ungherese Oskar Estebany , che li tenne fra le mani e li permeò dei suoi poteri di guaritore.

Gli appezzamenti innaffiati con lasoluzione salina che avevano ricevuto il trattamento speciale diedero un raccolto maggiore di quello dato degli appezzamenti che avevano ricevuto l’altra soluzione.

Poco dopo Grad replicò l’esperimento , ma questa volta si servi ,invece del guaritore , di due malati di mente affetti da depressione . Voleva vedere se l’umore di una persona potesse influire sulla crescita di una pianta . Ai pazienti fu detto semplicemente di tenere fra le mani  i lambicchi d’acqua prima prima che le piante venissero annffiate . I raccolti dei loro appezzamenti furono di seguito confrontati con quelli ottenuti da un assistente di laboratorio che aveva preso parte alle ricerche originarie di Estebany. I risultati concordarono in parte con quelli registrati nello studio precedente . Gli appezzamenti dell’assistente diedero piante migliori di quelli di uno dei pazienti. Ma gli appezzamenti dell’altro soggetto diedero un raccolto abbastanza soddisfacente .

Il Dott. Grad rimase disorientato dai risultati , finchè non scoprì che la partecipazione all’esperimento aveva talmente eccitato il paziente da sollevarlo dalla depressione. 

L’influenza della pische sulle pianteultima modifica: 2013-07-18T08:25:00+00:00da x-files51
Reposta per primo quest’articolo