Trovati i resti di una donna Peruviana sacrificati in alcune rovine

 

mummia.jpgLo scheletro è stato trovato in Cao Viejo, una delle rovine di El Brujo complesso archeologico di La Libertad.Gli archeologi della Fondazione Wiese, diretto da Régulo Franco Giordano, che ha scoperto la Signora di Cao, si ritengono testimoni di un evento senza precedenti. Circa un mese fa, il gruppo ha trovato i resti di una donna sacrificata nella piattaforma superiore delle rovine note come Cao mentre stavano scavando il pavimento cerimoniale. Le rovine fanno parte del complesso archeologico conosciuto come El Brujo, con sede a La Libertad.

Questa scoperta è particolarmente toccante e inattesa, perché gli archeologi hanno creduto fino ad ora che le donne non erano mai state sacrificate nella cultura Moche, il gruppo che ha abitato e costruito le rovine Cao. Questa credenza è sostenuto da dei murales e i disegni trovati nei ruderi che raffigurano solo vittime sacrificali di sesso maschile.

La scoperta ha causato un cambiamento significativo nella concezione degli archeologici circostanti la cultura Moche ( gruppo pre-inca ) che abitavano la costa settentrionale peruviana.

Régulo Franco ha riferito perché questa scoperta è stato così significativa: “Alla ricerca di una donna che ha causato un sacco di sorpresa e, ancor più, di sapere che è stata sepolta a faccia in giù, con la testa rivolta verso ovest in direzione del mare, con un braccio esteso e una postura altrimenti normale, è ben oltre tutto ciò che abbiamo conosciuto fino ad ora “.

A suo tempo della morte, la stima approssimativa della sua età sembra essere stata tra i 17 ei 19 anni, in base a studi condotti dal Dr. John Verano, professore della Tulane University. Egli ha anche detto che credeva che la sua causa di morte possa essere stata l’ingestione di un qualche tipo di sostanza tossica perché non c’erano segni di strangolamento o di altre lesioni.

Trovati i resti di una donna Peruviana sacrificati in alcune rovineultima modifica: 2013-07-17T11:25:00+00:00da x-files51
Reposta per primo quest’articolo